Il nuovo menu di connessione a TFS dell’Update2

Tra le tante novità dell’update2 vi è anche una ristrutturazione del menu di connessione a TFS, reso necessario soprattutto dal nuovo supporto a Git offerto da TF Service. Questo nuovo menu si concretizza in una icona a forma di “spinotto” presente nel Team Explorer una volta installato l’Update2.

image

Nel vecchio Team Explorer, per connettersi ad un altro TFS oppure per aprire un altro Team Project si procedeva semplicemente tramite la dropDown a fianco della dicitura HOME, la quale permetteva di cambiare Team Project (mostrando la lista di Team Project selezionata nell’ultima connessione), oppure cambiare completamente server TFS tramite il comando “connect to Team Projects”.

image

Questo menu è ora stato rimpiazzato dall’icona suddetta ed il risultato non è più l’apertura della finestra di configurazione di TFS, ma viene aperta una vista completamente nuova del Team Explorer.

image

In questa vista, come possiamo vedere dalla figura precedente, sono listati tutti i Team Project recenti su cui si è lavorato, anche su account TF Service differenti. In questo modo è possibile riconnettersi con un doppio click ai vari Team Project su cui si è lavorato recentemente, senza ripassare per la finestra di selezione del Server TFS. In alto sono comunque presenti due link, il primo è il “Configure Team Projects” che apre la usuale finestra di selezione per connettersi ad un ulteriore server TFS, e la seconda permette la creazione di un nuovo Team Project.

E’ inoltre presente una nuova sezione dedicata ai repository Git Locali, ed anche qui potete vedere come siano listati tutti i miei repository locali, sia che essi si trovino su TF Service, sia che siano collegati ad un remote di github. In questa sezione sono inoltre presenti i comandi per creare un nuovo repository Git locale, aggiungere alla lista un repository precedentemente creato al di fuori di Visual Studio (command line, GitHub tool, source tree, etc), oppure di clonare un repository Git data la sua Url.

Gian Maria.

Comments are closed.